Agnese Ferrara

Giornalista scientifica con le scarpe da running sempre pronte, da oltre 20 anni mi occupo di salute, benessere, società e tendenze per alcuni dei principali editori italiani. scopri chi sono

Metodo

Il blog è a cura di una giornalista scientifica iscritta all’Ordine. Perciò segue le norme, i codici e le carte deontologiche della professione ed assolve all’obbligo dei crediti di formazione annuali.

Trasparenza

Per me le notizie hanno sempre un nome ed un cognome perciò cito sempre le fonti e non solo perché è obbligatorio dal Testo Unico dei doveri del giornalista (il segreto professionale vale solo se richiesto dalla fonte). Citarle permette ai lettori di risalire all’albero delle informazioni di un articolo così da riconoscerle e valutare meglio ciò che si legge. Cito le mie fonti attraverso eventuali link diretti, nomi e cognomi, citazioni, note e rimandi all’origine. Qualora decida di pubblicare notizie di cui non è del tutto possibile accertarne la completa attendibilità, sarà mia premura rendere nota questa particolare circostanza.

Scelta dei contenuti

In questo blog non c’è spazio per tutto e per leggere la valanga di informazioni che corrono online non c’è bisogno di me. Io seleziono con cura ciò che pubblico, non condivido senza essere certa dell’esattezza dei contenuti. Non mi limito a ‘reggere il microfono’, non faccio da megafono di comunicazioni altrui, non dò spazio a slogan, annunci e segnalazioni se privi di contenuto giornalistico verificabile. Accogliendo anche le richieste dei miei lettori, scelgo a chi dare la parola e quali temi trattare.

Fact check

come giornalista ho l’obbligo inderogabile di rispettare la ‘verità sostanziale’ dei fatti come definito dall’articolo 1 del Testo Unico dei doveri del giornalista. Ricerco, raccolgo, valuto, elaboro e diffondo con la maggiore accuratezza possibile ogni dato e notizia. Un fatto può non essere vero e una informazione può essere tendenziosa, io ho il dovere di valutarne la verità sostanziale con metodo scientifico. Qualora verifichi l’infondatezza di una informazione è mio dovere segnalarvelo.

Gli articoli precedenti

Dopo i parabeni è allarme phenoxyethanol nei cosmetici per bebè. Fa male? Qui le risposte

Dopo i parabeni è allarme phenoxyethanol nei cosmetici per bebè. Fa male? Qui le risposte

Dopo i parabeni è la volta del fenossietanolo o phenoxyethanol usato come conservante nei prodotti cosmetici per i bambini e accusato di essere tossico. Francia e Comunità europea prendono decisioni diverse: la prima impone più limiti e lo vieta nei prodotti che si spalmano nell’area dei pannolini, la seconda prende tempo. Intanto i social lo hanno già bocciato. A che punto siamo?

leggi tutto
Gli Stati Uniti stanno per vietare i test sugli animali per i cosmetici?

Gli Stati Uniti stanno per vietare i test sugli animali per i cosmetici?

Test alternativi all’uso di animali in ambito cosmetico. Gli Stati Uniti ancora li consentono ma la Humane Society degli Stati Uniti raccomanda la reintroduzione del disegno di legge H.R.2790, detta anche Humane Cosmetics Act, al Congresso degli Stati Uniti. Il testo vieterebbe, seppure con alcune eccezioni, la sperimentazione sugli animali sia per le materie prime che per i prodotti finiti in tutto il territorio degli Stati Uniti e proibirebbe anche l’importazione di cosmetici che sono stati testati su animali in paesi extra USA. Ecco di cosa si tratta

leggi tutto