Agnese Ferrara

Giornalista scientifica con le scarpe da running sempre pronte, da oltre 20 anni mi occupo di salute, benessere, società e tendenze per alcuni dei principali editori italiani. scopri chi sono

Metodo

Il blog è a cura di una giornalista scientifica iscritta all’Ordine. Perciò segue le norme, i codici e le carte deontologiche della professione ed assolve all’obbligo dei crediti di formazione annuali.

Trasparenza

Per me le notizie hanno sempre un nome ed un cognome perciò cito sempre le fonti e non solo perché è obbligatorio dal Testo Unico dei doveri del giornalista (il segreto professionale vale solo se richiesto dalla fonte). Citarle permette ai lettori di risalire all’albero delle informazioni di un articolo così da riconoscerle e valutare meglio ciò che si legge. Cito le mie fonti attraverso eventuali link diretti, nomi e cognomi, citazioni, note e rimandi all’origine. Qualora decida di pubblicare notizie di cui non è del tutto possibile accertarne la completa attendibilità, sarà mia premura rendere nota questa particolare circostanza.

Scelta dei contenuti

In questo blog non c’è spazio per tutto e per leggere la valanga di informazioni che corrono online non c’è bisogno di me. Io seleziono con cura ciò che pubblico, non condivido senza essere certa dell’esattezza dei contenuti. Non mi limito a ‘reggere il microfono’, non faccio da megafono di comunicazioni altrui, non dò spazio a slogan, annunci e segnalazioni se privi di contenuto giornalistico verificabile. Accogliendo anche le richieste dei miei lettori, scelgo a chi dare la parola e quali temi trattare.

Fact check

come giornalista ho l’obbligo inderogabile di rispettare la ‘verità sostanziale’ dei fatti come definito dall’articolo 1 del Testo Unico dei doveri del giornalista. Ricerco, raccolgo, valuto, elaboro e diffondo con la maggiore accuratezza possibile ogni dato e notizia. Un fatto può non essere vero e una informazione può essere tendenziosa, io ho il dovere di valutarne la verità sostanziale con metodo scientifico. Qualora verifichi l’infondatezza di una informazione è mio dovere segnalarvelo.

Gli articoli precedenti

Cosa contengono i cosmetici? Gli INCI sulle etichette ci aiutano davvero a capire la qualità e fare confronti?

I lunghissimi elenchi di ingredienti INCI stampati sulle etichette dei prodotti di bellezza sono davvero utili a capirne la qualità? Non esistono altri modi più chiari e approfonditi per informare chi usa i prodotti cosmetici su cosa contengono? Qui qualche proposta per risolvere la questione che interessa tutti, brand inclusi.

leggi tutto

Cosmetici di lusso made in China, questa la novità

Trucchi e creme di lusso made in China. Vi pare strano? Entro cinque anni molti profumi e belletti di qualità, fra i più costosi, saranno fatti in Cina. Dopo la Corea e il Giappone è la volta della Cina dove si sta assistendo ad una rivoluzione che cambierà gli equilibri industriali mondiali nel campo della cosmetica sia a livello di produzione che di mercato, locale e globale. Ecco come

leggi tutto

Leggere le etichette dei cosmetici. In arrivo nuovo INCI Name

Siamo arrivati a più di 26.000 ingredienti contenuti nei cosmetici. Chi li ha contati? La Commissione Europea che ha appena aggiornato l’inventario degli ingredienti che era fermo ad oltre venti anni fa e l’elenco INCI (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients, che corrisponde all’elenco degli ingredienti che leggiamo sulle etichette dei cosmetici) ora si arricchisce di ingredienti che prima erano esclusi, avallati anche dalla Commissione. Quali sono?

leggi tutto