Capitanata dalla catena The Body Shop e Cruelty Free International, la più estesa petizione al mondo contro l’impiego degli animali per le sperimentazioni in ambito cosmetico (raccolte 8,3 milioni di firme) è giunta i giorni scorsi, in occasione del World Animal Day, di fronte al Palazzo di vetro dell’ONU a New York.

La-parata-organizzata-a-New-York-da-The-Body-SHop-e-Cruelty-International-contro-lanimal-testing-foto-Stuart-Ramson-per-Body-Shop.jpg

Gli animalisti hanno organizzato una parata piena di cani, celebrità e influencer recapitando le firme raccolte durante la campagna dal titolo ‘Forever against animal testing’, avviata lo scorso anno ai referenti delle Nazioni Unite (non senza tafferugli). La modella e cantate Pixie Geldof ha sfilato con i sui cagnolini e con il marito, George Banett.  Idem l’attrice di Bollywood Jacqueline Fernandez (con 22 milioni di followers su Instagram). Oltre a Maggie Q, attrice americana di serie tv molto famose, con il suo altrettanto famoso marito Dylan McDermott . Il fiume influencer arcinote negli States e in Australia, anche arruolate dalla casa cosmetica che ha organizzato l’iniziativa, hanno contribuito al successo dell’iniziativa .  I ‘famosi’ al servizio della causa hanno permesso la raccolta di così tante firme in soli 12 mesi.

L’80% dei paesi del mondo non ha ancora leggi che proteggano gli animali da questo genere di test. L’Unione Europea, la Nuova Zelanda e l’India li hanno vietati ed interrotti (da noi la sperimentazione di cosmetici su animali è stata bandita in Europa dal 2013). Possiamo disinteressarcene quindi? No, soprattutto se si viaggia nel mondo e si comprano prodotti di bellezza nei diversi angoli del pianeta.

Gli organizzatori della manifestazione hanno affermato che, di fronte ad un così frammentato quadro globale, l’unico modo per eliminare questo tipo di pratiche e incoraggiare una maggiore innovazione scientifica nella messa a punto di metodi alternativi sia quello di scegliere prodotti di bellezza che non sono stati testati sugli animali. Come? Leggendo le etichette ma anche scrivendo alle industrie produttrici tramite i loro social.

Insomma far valere il proprio potere d’acquisto per fare la differenza e guidare il cambiamento.