Oltre lo schiaffo di Will Smith agli Oscar lo stereotipo: alle donne essere calve non è concesso e il bodyshaming è una questione di genere.

Ecco cosa ne pensa lei, la moglie, cioè l’attrice, cantante e imprenditrice Jada Pinkett Smith della calvizie al femminile e di come lei abbia superato da tempo i complessi dovuti ai capelli.

Per lei essere calva (o meglio rasata) è stata una liberazione perfino spirituale. E peccato per chi ancora oggi ci ride sù (sì, lo schiaffone in quel contesto è stato un grosso errore…quante volte lo vorremmo mollare noi di fronte a tali prese in giro rivolte ad altre persone che conosciamo, figli inclusi..e però non si fa!! Meglio usare le parole :-)).

L’ho scritto per l’Ansa, leggete il pensiero di Jada Pinkett Smith (illuminante, davvero)  qui:  https://bit.ly/35i3Ksi

Foto di Ahmed Carter on Unsplash, thanks